Maschere viso fai da te

Avere una pelle sana e luminosa è l’obbiettivo estetico primario di ogni donna. Non sempre è necessario spendere una fortuna in maschere e prodotti di bellezza. Molte volte quello che ci serve per rendere più bella la pelle del viso è già disponibile in casa nostra.

Alcuni frutti e altri prodotti che abitualmente utilizziamo per realizzare i nostri pasti offrono ottime proprietà anche per la pelle. Basta saperli miscelare e dosare per creare in casa delle ottime maschere viso. Sono sufficienti pochi minuti per realizzarle e pochi minuti per prenderci cura di noi, una volta messi insieme gli ingredienti.

Ecco 3 maschere viso fai da te per risolvere i problemi più comuni, con ingredienti di facile reperimento, come pelle grassa, secca e rugosa.

Maschera viso fai da te per pelle grassa

Per migliorare l’aspetto della pelle grassa, ma anche per quella mista, possiamo creare una maschera semplicissima con due ingredienti che troviamo comunemente nelle nostre cucine, ovvero miele e limone. Prendiamo una ciotolina e mettiamoci un cucchiaio di miele con il quale mescoleremo il succo di mezzo limone. Una volta unito il composto è sufficiente stenderlo sulla pelle del viso e lasciarlo lì per circa 10 minuti.

Maschera viso fai da te per pelle secca

Per rendere più idratata e morbida la pelle secca possiamo invece realizzare una semplice maschera fai da te con la panna. In una ciotola mettiamo 1 cucchiaio di panna, 2 cucchiaini di burro, 1 tuorlo d’uovo e 2 cucchiaini di miele. Mescoliamo questi ingredienti con della farina d’avena fintanto che la maschera acquista una buona consistenza. Spalmiamola sul volto e lasciamola in posa per circa 15 minuti.

Maschera viso fai da te antirughe

Le rughe sono una delle problematiche più comuni nelle donne. Il viso è lo specchio del nostro stile di vita, spesso tumultuoso. Attenuare le rughe e prevenirle è possibile anche con una maschera fatta in casa. Per comporre una buona maschera viso fai da te che aiuti a migliorare lo stato delle rughe possiamo scegliere la papaya e l’arancia, dalle ottime proprietà. Frulliamo 2 fette di papaya e successivamente aggiungiamo un po’ di succo di arancia, della farina di riso e 3 gocce di olio essenziale al limone. Una volta realizzato il composto stendiamolo sul viso e lasciamo in posa per 15 minuti.

Non ci resta che iniziare a prenderci cura di noi, in fondo bastano solo pochi minuti, che ci meritiamo tutte, a fine giornata per rendere più luminoso e bello il nostro viso.

Colore e taglio: nel 2017 la parola d’ordine per i nostri capelli è ‘libertà’

Sarà un anno all’insegna del cambiamento e del trendy quello che coinvolgerà le nostre chiome in fatto di taglio e colore.

Le tendenze capelli 2017 si sono già fatte apprezzare, impreziosendo le capigliature delle modelle che hanno sfilato in passerella.

In fatto di proposte gli hairstylist più famosi hanno puntato su tagli bob lunghi e corti, pettinature che tornano ad ornare il volto con frange o ciuffi, e tante proposte dal gusto tipicamente retrò come i tagli swag ispirati agli anni ’70 e ’80.

Inverno e primavera 2017 metteranno in mostra chiome corte, medie e lunghe ispirate a tagli di tendenza che vanno dallo short bob al pixie cut, dal carrè in perfetto stile vintage al caschetto destrutturato.

Il must del 2017 è rappresentato dalla scelta di rinnovare il look, avviando il restyling proprio dai capelli.

I capelli come gli abiti sono importanti e sono la chiave giusta per intuire la personalità di una donna.

Il 2017 vedrà un uso importante della coda così come della treccia.  A vincere saranno il volume, le onde vaporose, ma anche i
ricci
, le acconciature morbide con un prorompente effetto spettinato, e naturalmente l’intramontabile liscio.

La parola d’ordine è libertà assoluta sia nei tagli medio corti, che in quelli lunghi.

Parlando di medio corti fa tendenza il caschetto, che viene proposto in tutte le varianti possibili.

Fra i trend più attuali spicca il famoso bowl cut, che punta ad una versione aggiornata di quello che un tempo veniva definito ‘taglio a scodella’.

Chi vuole osare davvero molto può puntare sull’ undercut pixie, con relativa chioma rasata su un lato della nuca. Ancora sulla cresta dell’onda la freschezza dell’ ob-shag molto amato dalle star. Così come lo swag che punta ad un capello lievemente mosso e con frangia.

Chi predilige il capello lungo potrà portarlo scalato con effetto hair contouring in grado di ornare piacevolmente il viso, valorizzandone i pregi e coprendo i difetti.

Il 2017 è anche l’anno dei tagli asimmetrici, dei capelli ribelli stile grunge rock.

Fra i colori predominanti di questo 2017 la tendenza è dettata dal castano caramello. I nostri capelli si tingono di colori caldi e luminosi per un look perfetto. Se lo scorso anno a stravincere sulla tavolozza dei colori è stato il rosso, quest’anno è la volta delle tante nuances del castano. Nuances perfette per illuminare il volto e dare la giusta luce ad un incarnato chiaro così come ad un volto dai toni olivastri.

Conosciamo l’emangioma infantile

Cos’è l’emangioma infantile

L’emangioma infantile è un tumore vascolare di tipo benigno, il quale è dovuto a una proliferazione di cellule dell’endotelio (a livello vascolare). Si tratta di uno tra i più comuni tumori che si sviluppano a livello dei tessuti molli e colpiscono circa il 3-12% della popolazione infantile. Essi non compaiono subito alla nascita, ma tendono ad evidenziarsi tra le 4-6 settimane di vita.

Hanno un periodo di crescita che può arrivare fino ai 6 mesi di età del bambino. A questa crescita fa poi seguito un periodo di stallo e successivamente una naturale regressione (ha una durata compresa tra i 3 e i 7 anni di età) fino a un riassorbimento.

L’emangioma tende a manifestarsi in soggetti di sesso femminile, provenienti da gestazioni multiple, appartenenti alla razza caucasica e con un basso peso alla nascita.

Diagnosi dell’emangioma infantile

La diagnosi di questa patologia avviene in maniera molto repentina e si nota subito in maniera evidente (compare una macchia di colore rosso). Essa viene evidenziata successivamente ad un’analisi della storia clinica e a un esame obiettivo attuato da personale medico altamente qualificato.

In altri casi, la diagnosi avviene successivamente a un ecocolordopler e in casi eccezionali dopo una biopsia. Questa pratica avviene effettuando un’anestesia totale del bambino (vista la giovane età), si procede con il prelevare una parte dell’angioma che viene poi analizzato. Se il GLUT-1 è positivo si ha una conferma della presenza dell’emangioma infantile.

Un’altra pratica utile alla diagnosi della patologia è l’utilizzo della Risonanza Magnetica. Essa usa un campo magnetico e degli impulsi a onde radio che permettono di visualizzare gli organi nella loro interezza e tutti gli apparati. È utile per analizzare i diversi gradi di sviluppo associati agli emangiomi segmentali e allo stesso tempo per valutare lo stato di questa patologia.

Per tutte le informazioni si può visitare il sito www.emangioma.net, Clicca Qui per Aprirlo.

La tua pelle è secca? Le cause possono essere molteplici

La pelle è la prima barriera difensiva del corpo contro gli elementi.

Se la pelle del viso o del corpo, soprattutto su gomiti, ginocchia e piedi, ti sembra ruvida al tatto, arrossata e non liscia, come se stesse tirando, probabilmente si tratta di secchezza cutanea.
Si manifesta soprattutto in inverno, quando le basse temperature e il vento possono aggredire le parti del corpo più esposte, come il viso e le mani.

Ma anche altre parti del corpo possono risentire della sensazione di aridità, con conseguente manifestazione di rossore, prurito e desquamazione.

Per fare in modo che la pelle riceva un adeguato livello di idratazione, prima di adottare una strategia terapeutica sotto il controllo del dermatologo, è utile conoscere quali sono le principali cause della secchezza della pelle, cause che possono essere molteplici.

Il clima invernale

Quando arriva l’inverno e le temperature si abbassano, anche il livello di umidità scende, spesso in maniera sensibile. L’aria più secca, di conseguenza, determina un asciugamento della pelle che, progressivamente, tende a seccarsi.

Alzare la temperatura in ambiente domestico non aiuta, poiché il riscaldamento sottrae in maniera maggiore l’umidità all’aria e, naturalmente, anche alla tua pelle.

Invecchiamento della pelle

I cambiamenti ormonali che si verificano nell’organismo con l’avanzare dell’età comportano un inevitabile assottigliamento della pelle che, il più delle volte, è causa di secchezza, arrossamenti e prurito.

Patologie cutanee

Oltre ai fattori ambientali e ai segni del tempo, tra le cause che determinano la secchezza della pelle sono da annoverare le malattie cutanee patologiche, che possono manifestarsi con differenti livelli di gravità.

Queste problematiche della pelle sono causate da infiammazioni croniche che, per non compromettere la qualità di vita delle persone affette, devono essere curate seguendo le precise prescrizioni di un dermatologo.

In altri casi, l’eccessiva secchezza della cute è da attribuirsi a diverse malattie, come il diabete o il cattivo funzionamento dei reni.

Tra le patologie che provocano l’insorgenza di prurito e conseguente secchezza cutanea, una tra le più diffuse è la dermatite atipica cronica che, spesso, si manifesta già in età neonatale, interessando soprattutto le zone del viso e quei punti del corpo dove la pelle crea delle pieghe naturali. Le persone affette, grattandosi nel tentativo di lenire il prurito, possono procurarsi ferite che, non adeguatamente trattate, generano infezioni.

Un’altra causa patologica di xerosi cutanea è l’ittiosi, malattia della pelle a carattere ereditario, caratterizzata da un’anomala cheratinizzazione della cute che tende a ricoprirsi da una sorta di strato squamoso, facilmente soggetto a irritazione e prurito.

La psoriasi patologica rende la pelle desquamata e affetta da eritemi, con conseguente secchezza e arrossamento.

Anche il cosiddetto piede diabetico, disturbo del metabolismo di forma cronica, provoca problemi di secchezza cutanea, concentrati in maniera particolare nella zona dei piedi, dove la pelle, sottoposta a un’eccessiva e scorretta pressione corporea, subisce delle lesioni che tendono a infettarsi e ulcerarsi.

In tutti questi casi, l’idratazione della pelle è indispensabile per diminuire le problematiche derivanti da queste malattie.

L’uso di una crema emolliente è sicuramente consigliato poiché, limitando il prurito, le lesioni saranno circoscritte a piccole zone, evitando di propagarsi ad altre parti del corpo.

Dexeryl è una crema dermoprotettiva efficace nel miglioramento della secchezza cutanea, composta da glicerolo, vaselina e paraffina liquida.

Questi ingredienti riescono a dare idratazione veloce e costante agli strati superficiali della pelle. Un’ulteriore caratteristica di Dexeryl è la capacità di diminuire in modo importante il prurito derivante da irritazioni croniche o temporanee, apportando l’acqua che, per diverse cause, la pelle ha perso o non riesce a trattenere.

Per approfondire l’argomento, vi consigliamo di visitare il sito www.pelle-secca.it

Il mondo della moda: Oscar Garavani

 

Fashionaut, noto magazine di moda, ha realizzato stamane un’intervista davvero interessante con Oscar Garavani, imprenditore del settore moda ed ex modello, della famiglia Garavani (quella per intenderci dello stilista Valentino). Con lui si sono toccati differenti tematiche molto attuali che riguardano il Made in Italy ed il mondo della moda, spietato, quanto affascinante, che è legato a stretto giro appunto con le eccellenze italiane, che ci invidiano nel mondo. Infatti il comparto della moda è uno di quelli che ancora oggi traina l’intera economia italiana, con marchi d’eccellenza ed eventi all’insegna di sfilate a cui prendono parte le modelle più famose ed i marchi più noti.

Oscar Garavani, parlando del lavoro di modella, ha fissato delle qualità fisiche stringenti che le aspiranti devono possedere per poter calcare le passerelle, in Italia e all’estero: altezza minima 1,78, taglia 40/42  per ciò che riguarda la modella, mentre per la fotomodella i canoni sono altezza 1,75 taglia 38/40, terza di reggiseno per indossare intimo e costumi da bagno. In generale si preferisce una donna con un bel viso anche se ora la tendenza è sull’androgeno. Dopo l’aspetto fisico, la selezione si basa su portamento,  classe nell’ indossare un abito da sera, la predisposizione al sacrificio e quindi agli  obiettivi, essere fotogenica. In generale un’aspirante modella deve avere la consapevolezza che questo è un lavoro duro, ricco di competizione, ma che ripaga gli sforzi.

Discutendo con Oscar Garavani altri aspetti inerenti la moda, si è discusso del cosiddetto Made in Italy, che secondo Oscar oggi sono in pochi in Italia a garantire. Tra gli esponenti più apprezzati vi sono neanche a farlo apposta Valentino, ma anche Armani, Versace, le sorelle Fontana.

Per ciò che riguarda gli eventi moda (fashion week, sfilate, kermesse dedicate) purtroppo la tendenza per il nostro paese è quella di un appiattimento del numero di eventi di una certa importanza, fermo restando che Milano Fashion Week e Alta Roma rappresentano ancora oggi gli eventi più importanti in calendario nel nostro paese. In generale si assiste però ad una globalizzazione, con eventi emergenti che anno dopo anno sono divenuti appuntamenti da non perdere per gli amanti del fashion e delle nuove tendenze. Tra i diversi eventi ovviamente non si può non citare il New York Fashion Week, ma tra i preferiti di Oscar vi è da segnalare l’evento che ogni anno si tiene a Dubai, divenuto fulcro degli amanti della moda, che da tutto il mondo, ogni anno presenziano alla presentazione delle nuove collezioni nella capitale forse mondiale del petrolio.

Davvero dobbiamo ripeterci, un’intervista davvero interessante con uno dei più importanti esponenti della moda in Italia, che ogni anno con le sue agenzie di modelle fornisce le migliori professioniste in circolazione in Italia e all’estero. E dobbiamo dire grazie a Fashionaut per averlo intervistato.

 

Per la cura della pelle secca e screpolata del viso tanti rimedi fai da te

La pelle secca e screpolata

La pelle del nostro viso ha bisogno di cure costanti per mantenersi in perfetta salute, soprattutto adesso con l’arrivo dell’inverno. Una grana affinata, la mancanza assoluta di pori dilatati e di sgradevoli imperfezioni, così come un evidente aspetto fresco ed un colorito luminoso sono il sogno di tante donne, e uomini, che desiderano un viso dall’aspetto sano e giovane.

A partire dall’epidermide la pelle è soggetta a processi regolari che possiamo influenzare con uno stile di vita corretto, sane abitudini, un’alimentazione adeguata ed una cura quotidiana grazie all’utilizzo di prodotti specifici.

Ai tanti problemi, a cui è soggetta la pelle del nostro viso, si cercano risposte specifiche grazie all’uso della cosmetica, con prodotti preconfezionati, e della natura, che ci offre fantastiche opportunità per preparare maschere fai dai te, intrugli salutari e fruire di un mare di consigli.

Se a tediarvi è una pelle secca e screpolata il ricorso a quanto ci viene offerto in natura è un autentico toccasana. A fare la differenza può essere l’assunzione di 1 litro e mezzo di acqua al giorno, abbinato all’utilizzo di tutta una serie di accorgimenti e rimedi naturali.

I rimedi naturali

Un’ineguagliabile maschera idratante è quella realizzata con la polpa della banana, da sminuzzare accuratamente e rendere omogenea con l’aggiunta di limone e olio di oliva. La ricetta prevede ½ limone, 2 cucchiai di olio di oliva e 1 banana, mescolati sino ad ottenere un composto ben amalgamato. Si stende sul viso, si lascia agire almeno per 5-6 minuti e poi si risciacqua. Nel periodo invernale si può procedere anche con applicazioni quotidiane.

Nell’ambito dei sieri rigeneranti un ottimo risultato è quello offerto dall’abbinamento latte e foglie di malva. La giusta proporzione è rappresentata da 1 bicchiere di latte e 5 foglie di malva fresca. I due ingredienti devono essere portati ad ebollizione e poi filtrati. Il siero si applica sul viso picchiettandolo con l’ausilio di un batuffolo di cotone. Si raccomanda di ripetere il trattamento due volte nell’arco di una settimana. Il prodotto si conserva integro nel frigorifero per circa 1 mese.

Fantastici alleati della pelle del nostro viso sono anche miele e yogurt. Si possono stendere sul viso lasciandoli in posa circa 15 minuti. Nell’eventualità si desideri una maschera, ad un cucchiaio di miele si può aggiungere 1 cucchiaio di olio di rosa mosqueta e 1 tuorlo d’uovo. Il composto ottenuto si stende sul viso per lasciarlo in posa circa 10-12 minuti e poi sciacquarlo con acqua tiepida.

Ad aiutare nella cura della pelle secca c’è anche la farina di avena, che ha un ottimo effetto idratante abbinato ad una doppia componente ovvero quella detergente e nutritiva. E’ quanto di meglio si possa utilizzare per preparare maschere per il viso. Consente di ripulire la pelle dalle impurità ma al contempo regala la giusta idratazione ai pori.

Infine l’amalgama ottenuta frullando 1 cucchiaio di panna da cucina, 1/2 mela e 1/2 pera mature e sbucciate è una fantastica maschera da massaggiare sul viso ogni due giorni, lasciando in posa circa 15-16 minuti e poi eliminata con acqua tiepida.

Trattamenti di bellezza per i capelli fai da te

Trattamenti di bellezza per i capelli fai da te

I capelli per essere sempre sani e splendenti hanno bisogno di molta cura e attenzione, soprattutto in particolari periodi dell’anno, come durante i cambi di stagione, i mesi estivi e l’inverno. Se desideri mostrare una capigliatura da invidia magari da sfoggiare magari ad una festa di compleanno oppure un evento speciale organizzato in un luogo molto alla moda, come lo sporting club parco de medici, basta sottoporre i tuoi capelli ad una bella maschera rigenerante, che puoi preparare anche da sola in casa.

E’ importante sapere che in presenza di capelli molto danneggiati è utile per prima cosa tagliarli, in modo da togliere tutte le doppie punte, seguire una dieta alimentare corretta, che preveda il consumo di frutta e verdura, cereali integrali, pesce azzurro, uova, crostacei, semi di lino ecc. E’ possibile rendere i capelli più sani e luminosi anche con l’aiuto di integratori alimentari a base di zinco e rame. Alcuni tra i nemici più agguerriti della salute dei capelli sono la salsedine, il fumo, il cloro e le tinte, se ad esempio frequentate un corso di nuoto è importante poi lavare i capelli con uno shampoo indicato per eliminare i residui di cloro.

Maschera al tè nero e fiori di gelsomino

Per utilizzare questo trattamento è necessario avere a disposizione una bustina di tè nero, 2 cucchiai di olio di semi di lino, una tazza di fiori di gelsomino, mezzo avocado, 3 gocce di olio essenziale di ylang ylang. Per prima cosa bisogna unire l’olio essenziale con l’olio di semi di lino, poi è necessario frullare mezzo avocado con i fiori di gelsomino, unire il composto con la miscela di oli aiutandosi con il tè nero. La maschera deve essere tenuta sui capelli per circa 40 minuti e poi sciacquata con l’infuso di tè nero rimasto.

Maschera alla mirra

Per preparare questo maschera è necessario procurarsi una tisana alla cannella, 3 gocce di olio essenziale alla mirra, 6 cucchiai di polvere di amla, 2 cucchiai di olio alle mandorle dolci e 2 cucchiai di miele. La prima mossa è unire la polvere di amla con l’infuso alla cannella, poi aggiungere il miele e gli oli. Impastare il tutto con cura fino ad ottenere un impasto omogeneo e applicare sui capelli, coprire la capigliatura con la pellicola trasparente e lasciare in posa per circa un’ora. Eliminare infine la maschera con una tisana al tè verde o all’alloro.

Trattamenti di bellezza fai da te

Trattamenti di bellezza fai da te

La bellezza del viso e dei capelli è ogni giorno sottoposta a diversi fattori esterni che la mettono a dura prova, come l’inquinamento, gli sbalzi di temperatura, il sole, il mare, l’invecchiamento ecc. Cosa fare quando bisogna prendere parte ad una serata speciale, come quelle del Vinile Roma, ma se ci si guarda allo specchio si ha un aspetto stanco e spento? Per prendersi cura della propria bellezza è importante sottoporsi a dei trattamenti specifici, con una certa regolarità, che possono essere realizzati anche a casa, senza così dover affrontare una spesa economica.

Maschera per capelli ristrutturante

Ideale per rendere la propria capigliatura lucente e voluminosa, è veramente molto semplice da realizzare, basta avere a disposizione un uovo, un cucchiaio di olio naturale, ad esempio mandorle, avocado ecc. e un vasetto di yogurt. Mettere tutti gli ingredienti all’interno di una ciotola, mescolare fino a quando il composto non apparirà omogeneo, poi stendere sui capelli, precedentemente umidificati e avvolgere la testa con della pellicola trasparente. Lasciare in posa almeno 20 minuti e risciacquare con abbondante acqua. Nel caso in cui i capelli siano secchi, basta aggiungere una banana e del miele.

Scrub per il corpo

La pelle del corpo ha bisogno di particolari cure e soprattutto di essere purificata almeno una volta al mese con uno scrub. Realizzare questo prodotto è veramente facile ed il sale è l’ingrediente principale. Prendere una ciotola e versarvi un vasetto di yogurt, un cucchiaio di olio e del sale fino, mescolare fino ad ottenere una crema. Spalmare il composto sul corpo, con dei movimenti circolatori leggeri, lasciare agire un paio di minuti e risciacquare. E’ preferibile usare il sale fino al posto del sale grosso, perchè non rischia di irritare la pelle. Gli amanti del bagno nella vasca possono invece realizzare uno scrub naturale aggiungendo all’acqua un composto realizzato con il miele, lo yogurt e la farina di cocco.

Crema viso effetto lifting

Prendere una ciotola e versarvi del succo di limone, la polpa di un kiwi, ricco di vitamina C e collagene, un vasetto di yogurt e un cucchiaio di miele, mescolare e stendere sul viso e sul collo. Lasciare in posa 5 minuti e poi sciacquare.

Maschera viso purificante

Realizzare questo prodotto è molto semplice, basta tagliare una mela a fettine senza la buccia e frullare la polpa, mettere poi un cucchiaino di succo di limone o aceto, stendere sul viso e lasciare agire per almeno 5 minuti.

Maschere per capelli fai da te: dare nuova luce alla capigliatura

Maschere per capelli fai da te: dare nuova luce alla capigliatura

La bellezza dei capelli teme alcuni nemici, come il freddo, la cattiva alimentazione, la piastra, il sole, lo smog, il phon ecc., la capigliatura spesso assume un colore spento ed i capelli appaiono sfibrati e fragili. Uno dei rimedi per avere dei capelli sempre sani e splendenti è applicare costantemente delle maschere nutritive e rigeneranti, che possono essere preparate anche in casa con pochi semplici ingredienti.

E’ consigliabile effettuare questo genere di trattamenti almeno due volte al mese e soprattutto se si deve prendere parte ad un evento speciale, ad esempio organizzato all’interno di vigna dei cardinali Roma e si desidera mostrare una capigliatura lucente e curata.

Cosa fare quando i capelli sono rovinati

Com’è stato già detto in precedenza ci sono alcuni fattori e alcuni momenti dell’anno in cui i capelli possono apparire particolarmente rovinati e deboli, di seguito sono elencati alcuni dei momenti in cui bisogna dedicare attenzioni maggiori alla capigliatura.

  • Cambio di stagione, in questo periodo i capelli possono spesso diventare fragili, quindi si spezzano con facilità anche semplicemente pettinandoli.
  • Mesi estivi durante i quali si va al mare, la salsedine e il sole sono deleteri per i capelli.
  • Mesi invernali, durante i quali le temperature sono basse.
  • Trattamenti come tinte, meches, colpi di sole ecc.
  • Malattie.
  • Stress.

La prima cosa da fare per rendere di nuovo i propri capelli sani e lucenti è tagliarli, in modo da eliminare tutte le doppie punte e renderli più forti. E’ necessario anche praticare una maschera rigenerante una volta la settimana e iniziare a seguire un’alimentazione bilanciata, ricca di frutta e verdura, fonte di vitamine e sali minerali.

Come preparare le maschere in casa

E’ possibile acquistare le maschere per capelli all’interno di negozi specializzati oppure prepararle da sole, l’importante è applicarle con costanza. Di seguito sono illustrate alcune ricette molto semplici per realizzare dei trattamenti naturali ed efficaci.

  • Maschera all’alloro: basta preparare un infuso all’alloro, aspettare che si raffreddi, aggiungere un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e un cucchiaio di semi di lino e utilizzare la miscela per impastare sei cucchiai di hennè.
  • La maschera deve essere lasciata in posa un’ora e poi sciacquata con cura.
  • Maschera all’olio di ricino: impastare 3 cucchiai di argilla bianca con due cucchiai di olio di ricino, aggiungere poi due cucchiai di burro di karitè e tre cucchiai di miele. E’ necessario tenere il composto in posa per circa trenta minuti e poi sciacquare con tè verde.

Keira Knightley confessa i miei capelli a rischio

keiraknightley

 

Anche le star del cinema soffrono di problemi con la calvizie: l’ultima confessione arriva da Keira Knightley, celebre attrice inglese, che ha rivelato di esser costretta a utilizzare delle parrucche a causa dell’eccessiva perdita di capelli. Se lei ha scelto una soluzione di compromesso, la scienza medica presenta però rimedi molto più efficaci e duraturi.

Troppi trattamenti e stress mettono a repentaglio la salute dei capelli; non parliamo di “leggende metropolitane”, ma del racconto diretto di una testimonial d’eccezione. È infatti l’attrice britannica Keira Knightley ad aver confessato di essere costretta ormai da cinque anni a utilizzare delle parrucche per coprire i danni provocati da tutte le “operazioni” compiute sulla sua chioma, anche per motivi di trama nei vari film in cui è stata impegnata.

Stress per i capelli. E così, la pur giovane star inglese (classe 1985) soffre di perdita di capelli dall’età di 25 anni, che l’hanno convinta a trovare un rimedio pratico sia per superare le eventuali zone diradate sul capo, sia per evitare di sottoporre a ulteriore stress la sua chioma già tanto provata da tutta la serie di tinture, piastre, lavaggi frequenti, acconciature sempre diverse e calore generato dalle lampade e dai fari presenti sul set.

Tanti personaggi, tante chiome. Come ha detto la Knightley nel corso di una intervista a Instyle, “ho tinto i miei capelli praticamente di ogni colore per i personaggi che ho interpretato nei miei film. Li ho trattati così male che hanno iniziato a cadere, ne ho persi molti”. E vedendo l’elenco dei ruoli che lei ha interpretato, la cosa stupisce poco: dalla Elizabeth Swann della saga campione di incassi “I pirati dei Caraibi” ai personaggi storici di pellicole come “ImitationGame” o “A dangerous method”, le chiome e le acconciature cambiate sono davvero tante.

Keira Knightley e la parrucca. Una situazione già difficile in partenza, come ancora la star inglese ha confessato: “Ho sempre avuto i capelliricci, un po’ pazzi”, ma la nascita della sua prima figlia, Edie, ha reso la chioma ancora più ingestibile e complicato ulteriormente le cose. “Dopo la gravidanza sono diventati ancora più spessi. Praticamente mi sono ritrovata dei dreadlocks in testa”, spiega l’elegante attrice, comunque sorridente.

Calvizie, problema sempre più diffuso. E se anche Keira Knightley è stata costretta a usare delle parrucche sia sul red carpet che in scena per “salvare” i suoi capelli (nonché il look richiesto a una star del suo calibro), cosa può succedere alle persone comuni? Le ultime statistiche sull’incidenza della calvizie nelle donne e negli uomini non sono positive, e oggi questo problema interessa addirittura l’80 per cento del genere maschile e il 40 per cento del gentil sesso, con percentuali sempre in aumento anche a causa di fattori climatici, oltre che della predisposizione genetica.

Parrucche e trapianto non curano la calvizie. Nonostante l’esempio vip, la parrucca non è certo uno dei rimedi più validi per superare questo problema, perché riesce solo a tamponare il fattore visivo, senza alcun tipo di intervento sulle cause che hanno prodotto la caduta dei capelli. Questo, in realtà, è lo stesso limite che evidenzia un’altra tecnica piuttosto diffusa, ovvero il trapianto di capelli: pur essendo un procedimento lungo e complesso, infatti, questa operazione chirurgica rappresenta per l’appunto soltanto una soluzione tampone per l’estetica, ma non cura la calvizie che, infatti, rischia di ripresentarsi in altre aree della testa.

I progressi della scienza. Proprio per questo la scienza medica ha continuato a ricercare alternative più valide ed efficaci, e la nuova tendenza odierna è l’impiego di procedure di medicina rigenerativa e di cellule staminali del paziente: il protocollo qui descritto si chiama Rigenerazione Cellulare bSBS ed è stato brevettato dai Laboratori di Hairclinic, che sul loro portale www.hairclinic.it spiegano in maniera dettagliata i vantaggi e gli aspetti positivi della terapia, che appunto agisce sulle cause della caduta dei capelli. Giusto per citare il primo, una sola sessione produce effetti immediati sui follicoli, riattivando la generazione di capelli e arginando l’evoluzione della calvizie.