Com’è nato il pilates e quali sono i suoi benefici

Che cos’è il Pilates?

Il pilates è una disciplina che prende il nome del suo ideatore, Josef Hubertus Pilates, di origine greca ma nato e cresciuto in Germania. Pilates era un bimbo magro e cagionevole di salute. Soffrì di asma, rachitismo e febbre reumatica, patologie che lo portarono a sviluppare una muscolatura debole che gli causò alterazioni posturali e anchilosi articolari. Queste malattie gli provocarono anche una forte diminuzione della capacità di movimento. I suoi problemi fisici lo portarono a decidere di studiare attentamente il corpo umano, cercando di scoprire il modo di rinforzarlo e rinvigorirlo attraverso l’esercizio fisico. In un’intervista rilasciata nel 1959 ad un giornale di New York, Josef Pilates dichiarò di basare il suo metodo sull’innocenza, sulla semplicità e sull’essenzialità del movimento dei bebè e dei gatti, caratteristiche che si incontrano negli esercizi del Metodo Pilates. La determinazione a superare le sue difficoltà a livello fisico fu talmente grande che, a quattordici anni, dopo aver superato le patologie da cui era affetto, iniziò a posare come modello anatomico e diventò un grande atleta.

Quali sono le origini della disciplina?

Nel 1912 Josef si trasferì in Inghilterra per migliorare la sua tecnica da boxeur; poi lavorò in un circo e presso una palestra come istruttore di difesa personale. Nel 1914, essendo diventato una stella circense, viaggiò per tutta l’Inghilterra insieme al fratello. Con l’inizio della Prima Guerra Mondiale, Josef fu internato in un campo di concentramento a causa della sua nazionalità tedesca. Da allora, si impegnò ad addestrare gli internati con lezioni di lotta e difesa personale in modo da migliorarne lo stato psicofisico: iniziò a ideare una serie di esercizi destinati ad essere fatti in uno spazio ridotto e limitato. Fu così che nacque il “Metodo Pilates”. Finita la Guerra ritornò in Germania. Gli venne riconosciuto il buon lavoro effettuato con gli internati del campo di concentramento e gli venne offerto di seguire la preparazione della polizia militare di Amburgo. Oltre a questo impiego iniziò ad avere clienti privati come il ballerino e teorico della danza Rudolf Laban, che integrò nelle sue teorie alcune tecniche di Pilates.

Josef Pilates divenne molto famoso anche tra i medici poiché con il suo metodo otteneva una riabilitazione dei pazienti più rapida ed integrale. Per la sua notorietà e per l’efficacia del suo metodo, tra il 1923 e il 1926 Josef fu invitato ad allenare il nuovo esercito tedesco, ma rinunciò all’incarico poiché non condivideva gli ideali politici tedeschi. Successivamente decise di espatriare e dirigersi negli Stati Uniti.

 

 

Il pilates può essere inteso come un movimento a 360 gradi e che coinvolge tutti i sensi. Chi pratica la disciplina entra in una dimensione reale: il presente. I buddisti ripetono questo concetto da millenni.

 

Quali sono le differenze e le affinità tra il pilates e lo yoga dinamico?

Le affinità sono molte. Lo yoga è una disciplina di tradizione millenaria e Josef Pilates si è ispirato ai suoi principi fondamentali. La respirazione del pilates, invece, cambia radicalmente.

La pratica del pilates può rivelarsi un’ottima soluzione per riacquistare il pieno benessere psicofisico. I benefici di questa pratica sono molteplici e comprovati: non resta che provare subito questa nuova esperienza!

 

Leave a Reply